Comitati

Costituiti all'interno del CdA, hanno compiti definiti e lo scopo di monitorare continuamente aspetti delicati dei processi aziendali.

L'attività del Consiglio di Amministrazione è supportata dal Comitato controllo e rischi e dal Comitato per la Remunerazione.

Composizione, compiti e modalità di funzionamento dei Comitati sono illustrati e disciplinati da appositi Regolamenti approvati dallo stesso Consiglio di Amministrazione, in coerenza con le indicazioni formulate dal Codice di Autodisciplina.

Comitato Controllo e rischi

Supporta il Consiglio di Amministrazione nelle valutazioni e decisioni riguardo il Sistema di Controllo Interno e gestione dei Rischi e l'approvazione delle relazioni finanziarie.

Il Comitato Controllo e Rischi viene nominato dal Consiglio di Amministrazione e affianca quest'ultimo nella gestione delle materie di competenza esercitando funzioni istruttorie, consultive e propositive.

Composizione

Attualmente, il Comitato Controllo e Rischi è formato da tre consiglieri:

  • Mauro Pisapia
  • Raffaella Viscardi
  • Nicola Iorio

Funzioni e competenze

Spetta al Comitato Controllo e Rischi supportare l'attività del Consiglio di Amministrazione fornendo pareri riguardo:

  • la definizione delle linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi, cosicché si abbia certezza della precisa identificazione dei rischi aziendali e della coerenza della gestione dell'impresa con gli obiettivi strategici individuati;
  • nella valutazione dell'efficacia del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi adottato;
  • l'approvazione del piano di lavoro predisposto dal Responsabile della funzione di Controllo Interno e gestione dei Rischi;
  • la valutazione complessiva del Sistema di Controllo Interno e di Gestione del Rischio e la sua descrizione all'interno dell'annuale Relazione sul Governo societario;
  • la valutazione dei risultati esposti dal revisore legale nell'eventuale lettera di suggerimenti e nella relazione sulle questioni fondamentali emerse in sede di revisione legale

Comitato per la Remunerazione

Supporta il Consiglio di Amministrazione nelle valutazioni e decisioni riguardo le politiche di remunerazione, adottate e da adottare, per gli amministratori e i dirigenti con funzioni esecutive.

Il Comitato per la Remunerazione viene nominato dal Consiglio di Amministrazione e lo affianca,  con funzioni propositive e consultive, nelle decisioni attinenti le politiche di remunerazione.

Composizione

Attualmente, il Comitato per la Renumerazione è formato da tre consiglieri:

  • Roberto Ruozi 
  • Barbara Poggiali 
  • Chiara Palmieri 

Funzioni e competenze

Funzioni prerogative del Comitato per la Remunerazione sono:

  • la valutazione periodica dell'adeguatezza, coerenza e complessiva applicazione della politica per la remunerazione degli amministratori e dei dirigenti con responsabilità strategiche;
  • l'avanzamento di proposte e la formulazione di pareri al CdA riguardo la remunerazione degli amministratori esecutivi, degli amministratori delegati e delle principali cariche societarie, nonché la fissazione degli obiettivi di performance legati alla componente variabile della remunerazione e il monitoraggio dell'effettivo rispetto delle decisioni adottate in merito dal CdA;
  • la presentazione al CdA della Relazione sulla Remunerazione da sottoporre ad approvazione del Consiglio stesso;
  • la presentazione della propria attività all'Assemblea degli Azionisti.

Il Comitato Parti Correlate

Esercita le funzioni previste dalla normativa di riferimento e dalla “Procedura per la disciplina delle operazioni con parti correlate” della Società

Il Comitato per le Operazioni con Parti Correlate è stato istituito in via permanente ai sensi e per gli effetti della nuova “Procedura per la disciplina delle operazioni con parti correlate” adottata dalla Società in data 27 marzo 2014.

E’ composto esclusivamente da amministratori indipendenti ed è nominato dal Consiglio di Amministrazione.

Composizione

Attualmente, il Comitato per le Operazioni con Parti Correlate è composto dai seguenti consiglieri:

  • Mauro Pisapia;
  • Raffaella Viscardi;
  • Chiara Palmieri

Funzioni e competenze

Spettano al Comitato per le Operazioni con Parti Correlate, a titolo esemplificativo, i seguenti compiti e poteri:

● propone al Consiglio di Amministrazione modifiche e/o integrazioni alla “Procedura per la disciplina delle operazioni con parti correlate” della Società;

● esprime pareri motivati non vincolanti sull’interesse della Società e delle società controllate al compimento dell’operazione, nonché sulla convenienza e sulla correttezza sostanziale delle relative condizioni;

● può chiedere chiarimenti e formulare osservazioni agli organi delegati e ai soggetti incaricati della conduzione delle trattative o dell’istruttoria dell’operazione;

● può farsi assistere da uno o più esperti indipendenti a propria scelta nei limiti del budget assegnato dalla Società.